In coincidenza con la Biennale della Prossimità, giovedì 15 giugno inaugura la mostra “Il tempo di Arianna”, negli spazi della Quadreria, un progetto nato all’interno di Marakanda, Laboratorio Protetto per persone con disabilità di Open Group, finalizzato a creare un dialogo con professionalità esterne nell’ottica dell’apertura e della sperimentazione artistica.

Per l’occasione Simone Martinetto, fotografo professionista e artista, è stato invitato a confrontarsi con Arianna Adriani, la quale da anni frequenta il laboratorio misurandosi, in un atteggiamento di estrema disinvoltura, con mezzi e linguaggi diversi.

Il confronto tra i due ha dato vita a questa installazione. Come suggerisce il titolo, motivo-chiave che vede interagire fotografie, opere pittoriche e sculture, è il Tempo. Di questa dimensione sostanziale l’opera presentata indaga alcune tra le innumerevoli declinazioni: il tempo dei gesti che ritmano il processo creativo, la temporalità biografica, che riguarda una storia individuale nella quale rispecchiarsi, e ancora, come suggerisce Martinetto, “un tempo interno” fatto di intimità e di emozioni che aleggiano nello “spazio vuoto tra le fotografie e le sculture”.

In contemporanea con l’apertura della mostra verrà presentato il primo numero dei “Quaderni di Marakanda”, una pubblicazione cartacea con la quale il laboratorio intende discutere e valorizzare i suoi progetti avvalendosi anche del contributo di studiosi esterni.

L’installazione è curata da Sara Ugolini e promossa dal laboratorio creativo Marakanda.

La mostra inaugura giovedì 15 giugno, ore 17.
Venerdì 16 e sabato 17, giovedì 22 e venerdì 29 giugno alle ore 17.00 sono previste visite guidate gratuite.

Per partecipare alle visite guidate è necessario prenotarsi contattando il numero 344 1237640.

Per maggiori informazioni sugli orari di apertura consultare il sito www.laquadreria.it

La Quadreria: Palazzo Rossi Poggi Marsili via Marsala, 7 Bologna