fbpx

Open Group, insieme all’associazione Eventeria, apre a Bologna un nuovo spazio di rigenerazione urbana temporanea: DumBO.
L’ex scalo merci Ravone è un’area di quasi 40mila metri quadrati di proprietà di FS Sistemi Urbani in via Casarini 19 a Bologna. Lo spazio torna a disposizione della città: capannoni e aree aperte destinati a cultura, arte, sociale, musica e sport per attività trasversali e sempre diverse, in stretta relazione con il territorio.

La nostra cooperativa si è aggiudicata la gara bandita da FS Sistemi Urbani (Gruppo FS Italiane). Open Group ed Eventeria daranno vita, grazie alla regia del Comune di Bologna, a questa avventura, unendo i propri saperi e pensando a DumBO come a una piattaforma aperta a nuove idee ed espressioni creative e artistiche.
Rigenerazione urbana temporanea, per rivitalizzare le zone in disuso, come già avviene in molte città europee. La sfida è immaginare e dare avvio ad un distretto dove imprese, associazioni e comunità troveranno spazio per le loro attività con nuove offerte culturali e sociali per la città coniugando sostenibilità e sperimentazioni.

DumBO, che comprende 6 fabbricati con una superficie complessiva di oltre 18mila metri quadrati, più 20mila metri quadrati scoperti, sarà gestito per i prossimi 4 anni da Open Group ed Eventeria, con l’obiettivo di creare un distretto culturale e sociale con arte, da costruire attraverso un percorso di coinvolgimento aperto a imprese, associazioni e cittadini. L’area resta proprietà di FS Sistemi Urbani che ha avviato lo sviluppo di un progetto di rigenerazione urbana a lungo termine.

“La nostra cooperativa lavora da sempre sulle relazioni e sulla creazione di sinergie con le altre realtà del territorio. DumBO ci pone questa sfida: mettere insieme dei sapere artistici, culturali e sociali della città con al centro il tema della sostenibilità economica e ambientale. In questi 4 anni vogliamo che questo luogo diventi uno spazio fruibile e aperto alle associazione e soprattutto ai cittadini. Questa è la nostra ambizione”, ha commentato Roberto Lippi, presidente di Open Group.

In questa fase si stanno completando le operazioni di sgombero e pulitura dei capannoni, dei piazzali e delle aree verdi, di messa in sicurezza dell’area oltre al ripristino degli impianti. La destinazione delle singole strutture avverrà a tappe e sempre nell’ottica della temporaneità.

Il primo evento a DumBO sarà Joint – Street Art, Sport and Food, in programma dal 10 al 12 maggio. Un nuovo festival dedicato alla cultura street che mette insieme la passione per lo sport con quella per il cibo di strada, tra cucine su ruote, musica, danze, arti circensi e mercatini del riuso. Per i dettagli di Joint si rimanda a una conferenza stampa ad hoc.

Il Comune di Bologna promuove il progetto tramite l’assessorato alla Cultura e la Fondazione Innovazione Urbana. In particolare, il ruolo di quest’ultima sarà dedicato a supportare il metodo e il percorso di co-progettazione per specificarne gli usi.

A questo link  l’approfondimento che Radio Città del Capo ha dedicato alla nascita di DumBo.

25 Aprile, 2019

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto