fbpx

Open Group, come parte del Consorzio l’Arcolaio, partecipa al Festival “Bologna Di-tra-verso” organizzato dall’associazione Naufragi dal 31 maggio al 2 giugno. Tre giorni di arte, giochi, sport e cultura per creare connessioni e fare rete nel tessuto sociale bolognese.

Per 10 anni l’associazione Naufragi ha promosso il festival Porte Aperte come opportunità di socializzazione tra la cittadinanza che partecipa ai laboratori di comunità e le strutture di accoglienza dei servizi sociali. Quest’anno l’idea è offrire un percorso dal basso, condiviso con i cittadini: per questo è già stata lanciata la call Salotti aperti, per dare la possibilità a chi lo desiderasse, di mettere a disposizione il proprio salotto e ospitare un’iniziativa del festival. Le attività, infatti, si svolgeranno sia nelle strutture d’accoglienze e nei laboratori di comunità, sia nei salotti di chi deciderà di aprire la propria casa.

Il nome non è stato scelto a caso. “Di traverso” vuole sottolineare la non aderenza ai fenomeni di polarizzazione ed esclusione: la visione proposta, al contrario, è di accettazione e accoglienza della diversità. “Vorremmo che gli eventi organizzati fossero di tutti e il più differenziati possibile – spiegano gli organizzatori –. È sempre più importante essere generatori di ponti e collaborazioni, a discapito di segregazioni e dominanze”. “Bologna Di-tra-verso – continuano – vuole offrire alle nuove generazioni una possibilità di formazione. Potranno partecipare ai laboratori di comunità e, in quella sede, proporre temi e attività”. In occasione della manifestazione sarà presentato un manifesto dei laboratori, modello di buona pratica inclusiva e innovativa, replicabile anche in altri territori

“Bologna Di-tra-verso” sarà un evento diffuso in tanti salotti, corti, terrazzi di Bologna. Canti, balli, giochi, letture, momenti teatrali e altri più istituzionali offriranno la possibilità “di respirare l’aria e le emozioni di una società accogliente, desiderosa di condividere e riappropriarsi di quella sensazione del ‘sentirsi a casa’ che tanto stride con la paura e l’incertezza che spesso sembra dominare l’attualità”.

18 Aprile, 2019

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto